comunicazione è relazione

il blog di Roberto Basso sulla comunicazione di pubblica utilità e varia umanità

Impresa Comune

Tutti concordi, i sindaci-imprenditori, sull’equivalenza Comune – azienda. Molti sono anche favorevoli a identificare i cittadini con i clienti (“hanno diritto a un servizio, lo pretendono, bisogna orientarsi al loro soddisfacimento”). Il sindaco di Velletri (55mila abitanti a mezz’ora da Roma) li vede invece come soci: con i loro tributi, e la loro appartenenza alla città, non sono clienti: piuttosto comproprietari, azionisti, soci del Comune. Da questo discendono diritti e aspettative, ma anche doveri e responsabilità.

La proprietà privata finisce sull’uscio di casa; la proprietà condivisa continua: quindi non gettare carte per terra!

Annunci

Archiviato in:Uncategorized, , , , , , , , ,

2 Responses

  1. felter ha detto:

    Io non concordo molto sulla equivalenza Comune-azienda. Il comune ha obblighi sociali che una azienda non ha. L’azienda ha come discriminante di azione il ritorno economico. Il comune non può e non deve avere solo quello.
    Una manifestazione culturale, un centro per anziani, non hanno motivo di essere realizzati se si valuta solo i vantaggi che questi portano all’azienda/comune.
    Ma ovviamente non è cosi.
    Forse appunto considerare il Comune, inteso nel senso ampio del termine, cioè come tutti i suoi cittadini e non solo come Amministrazione che li “governa”, può rispecchiare meglio la situazione.

  2. robertobasso ha detto:

    Analogie e similitudini funzionano come semplificazioni, e solo parzialmente. A me piace il termine “impresa” perché rimanda a una fatica, uno sforzo, che può essere collettivo e condiviso, “comune”, appunto (magari con la “C” maiuscola, per giocare un po’ con le parole). Chi assimila l’amministrazione municipale a un’azienda di solito lo fa in senso non assoluto ma in riferimento ad alcuni aspetti specifici dell’azienda: a me piace pensare che lo si faccia in riferimento all’autosufficienza economica, per esempio; o per il senso di responsabilità nel confronto degli stakeholder (che non sono solo soci e clienti, ma anche fornitori, dipendenti, la comunità che vive sul territorio che ospita l’azienda…; e che nel caso di un’amministrazione comunale diventano i singoli cittadini, le imprese che operano sul territorio, le associazioni culturali ecc.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: