Bravo Francesco Piccolo sul Corriere, tra destra e sinistra

Non conoscevo Francesco Piccolo, lo scopro con il suo articolo di oggi su La Lettura del Corriere della Sera, un piccolo capolavoro di politologia. Parlando di un film (The Artist) ci spiega che la differenza tra destra e sinistra non sta nella dicotomia conservatorismo vs progressismo. E secondo me non sta neanche nella distinzione di Bobbio tra egualitarismo e liberalismo (conosco fascisti molto più egualitaristi di alcuni esponenti della gauche caviar, e diversi liberali che si battono per pari opportunità di partenza in assoluta coerenza con i sacri principi del socialismo).

La butto lì, tra George Lakoff e l’esperienza sul campo, che la distinzione sia nella visione del mondo? Tra chi pensa che il mondo sia un giungla, nella quale gli uomini sono per natua cattivi, e chi pensa che il mondo sia un luogo naturalmente pacifico, dove gli uomini nascono giusti e qualcuno cerca di traviarli? Perché sta lì la radice di molti comportamenti, a partire dal comportamento di voto e dall’orientamento verso un’offerta politica in cui ci si riconosce, a dispetto della scomparsa delle grandi narrazioni idoelogiche.

Annunci

Autore: robertobasso

Direttore della Comunicazione del Ministero dell'Economia e delle Finanze. Le informazioni contenute in questo blog sono fornite a titolo personale e le opinioni espresse non impegnano ad alcun titolo l'istituzione per cui lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...