comunicazione è relazione

il blog di Roberto Basso sulla comunicazione di pubblica utilità e varia umanità

#prideandprejudice Perché e nata, come funziona, quali sono le difficoltà

Martedì scorso dal Ministero dell’Economia e delle Finanze abbiamo lanciato una campagna alla quale abbiamo dato nome pride and prejudice (con l’hashtag #prideandprejudice).

IMG_0909-0.PNG
Contro il pregiudizio che impera all’estero nei confronti dell’Italia, e per suscitare un po’ di sano orgoglio nazionale, abbiamo programmato la pubblicazione quotidiana da martedì a domenica di un dato economico utile a rappresentare una Italia diversa da quella che viene normalmente raccontata dai media, soprattutto internazionali. Sei dati per spiegare che l’Italia sa tenere i conti in ordine attraverso una lunga serie storica di bilanci chiusi con avanzo primario, che negli ultimi anni è riuscita a rispettare la soglia del 3% nel rapporto tra deficit nominale e PIL, e quindi che ha contenuto la crescita del debito pubblico molto più di altri paesi, tanto da vedersi riconoscere dalla Commissione europea il più basso grado di rischio per le finanze pubbliche, che ha aiutato a salvare altri paesi europei in crisi versando 60 miliardi di euro ai fondi “salva-stati” e infine che dispone di un sistema bancario solido per il quale sono stati forniti aiuti in misura quasi inesistente rispetto alla Germania o al Regno Unito.

Ogni giorno pubblichiamo su Twitter (dal profilo istituzionale @MEF_GOV) una infografica che sintetizza i dati in modo facilmente leggibile. Associamo il link alla pagina del sito in cui pubblichiamo l’infografica accompagnata da una spiegazione. E in una sezione del sito pubblichiamo via via tutti i dati giornalieri, in qualche caso anche con approfondimenti, in modo che sia possibile rintracciarli tutti insieme.

E’ un’operazione controversa, perché ogni dato economico deve essere letto e interpretato in un contesto che aiuti a valutarne la portata. E anche in un contesto adeguato le implicazioni non sono scontate, e le conclusioni che ne traggono gli economisti non sono univoche.

Per esempio: noi pubblichiamo la serie dei saldi primari di bilancio (cioè la differenza tra entrate e uscite al netto del pagamento degli interessi sul debito pubblico) dal 1995 al 2014. Lo facciamo per dimostrare che l’Italia è l’unica delle grandi economie europee a poter vantare una serie di 20 anni di saldi positivi, ovvero di avanzo primario (con la sola eccezione del 2009). Riteniamo che sia utile per ricordare che sappiamo tenere i conti sotto controllo (non spendiamo più ricchezza di quella che produciamo) e che il debito pubblico lievita a causa degli interessi e della bassa crescita economica piuttosto che per un azzardo morale. Altri usano questo dato a sostegno della propria tesi secondo cui le politiche di avanzo andrebbero riviste, con deficit più ampi per poter disporre di risorse da utilizzare – per esempio – per investimenti.

Non parliamo poi del fatto di usare Twitter: per alcuni un sacrilegio, per noi un modo per disseminare queste informazioni tra un pubblico curioso, informato o professionalmente coinvolto.
L’evidenza che abbiamo dopo pochi giorni di questo primo flight di campagna è che di dati positivi c’è bisogno per rinforzare un clima di fiducia indispensabile all’economia: persone di estrazione sociale e interessi diversi le rilanciano e le salutano a volte con entusiasmo. 

Le prestazioni psicologiche di una comunità hanno conseguenza reali sui duri numeri dell’economia, ha spiegato Keynes. La sfida è di fare informazione positiva senza strumentalizzare i dati né piegarli ai propri fini.

Annunci

Archiviato in:comunicazione politica, Governo, politica, , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Segui assieme ad altri 3.922 follower