comunicazione è relazione

il blog di Roberto Basso sulla comunicazione di pubblica utilità e varia umanità

Uno che non si è chiesto cosa può fare per lui il suo Paese. Daje #Diego

Diego Piacentini. Se non sapete chi è lo potete scoprire nell’intervista di Mario Calabresi per Repubblica di oggi.

031606277-be701108-bece-442f-b297-15856b5ef187

Quest’uomo non si è chiesto che cosa il suo Paese può fare per lui. Ha invece deciso che può fare qualcosa per il suo Paese.
Sta tutta qui la rivoluzione di Diego Piacentini. Piccola. Immensa. Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’italianità. Non so quando sia successo ma noi italiani ci siamo abituati a pensare che lo Stato è come una mamma a cui possiamo succhiare non solo il latte ma perfino il sangue e non fintanto che non siamo in grado di badare a noi stessi ma fino all’età adulta. E invece di mostrarle riconoscenza e rispetto l’ammazziamo di fatica e ingratitudine.
Insomma, fiumi di parole su “lo Stato siamo noi” ma niente di tanto efficace quanto il gesto della mano al portafogli: “lavoro per lo Stato e – sia chiaro – i soldi ce li metto io”. (Il contrario di Jerry Calà in “Vado a vivere da solo” ma i soldi me li date voi!). Neanche i rimborsi spese, vuole Diego Piacentini. “Eh certo – dirà qualcuno (c’è sempre qualcuno che usa un argomento idiota come questo) – con i soldi che ha…”. Dimentico degli insegnamenti della Bibbia: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un ricco entri nel regno dei cieli e – per parafrasi ma non per assurdo – che un italiano ricco lavori gratuitamente per lo Stato.
Il suo benessere Diego Piacentini non l’ha ereditato da genitori ricchi. Con lo studio si è conquistato un’opportunità. Con il lavoro ha trasformato quella opportunità in successo. Immagino che di questo successo vada giustamente orgoglioso e la cosa che ce lo fa sembrare un marziano è che a quest’orgoglio non corrisponde il desiderio di isolarsi per godersi il benessere, quanto piuttosto la voglia di mettere quello che sa (che ha imparato) e quello che è capace di fare (che ha imparato a fare) al servizio dei suoi connazionali. Perché ha vissuto in un posto dove gli individui imparano a restituire alla comunità che li ha allevati.
Sì, se lo incontrate per strada non vergognatevi di dirgli “grazie”. È un modo per affermare che nessun uomo è un’isola, che si può cambiare perfino l’Italia, che intorno a idee e persone così ci si può unire tra uomini di buona volontà e chiedersi “che cosa posso fare io per il mio Paese?”.
Daje Diego.

Annunci

Archiviato in:Uncategorized

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

robertobasso@twitter

Segui assieme ad altri 3.922 follower

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: